Premio Nazionale di Giornalismo Sportivo per l’Etica nello Sport “Antonio Spallino”


23 ottobre - Banca Generali e Larioin ci sono da tempo vicini - Collegati


18.10 - Straordinario lancio del Premio ad opera di Marco Pastonesi su TUTTOBICIWEB.

Collegati



10 ottobre - Lancio sullo spazio web del Panathlon Distretto Italia - collegati


 

Premio Nazionale di Giornalismo Sportivo per l’Etica nello Sport “Antonio Spallino”

Vista l’emergenza Coronavirus che ha bloccato gli eventi sportivi e di conseguenza la pubblicazione degli articoli, le Associazioni La Stecca e Panathlon International Club di Como hanno deciso una proroga della scadenza della data di pubblicazione e della consegna degli elaborati.

Due associazioni storiche della città di Como, attive l’una – La Stecca - nella solidarietà sociale e l’altra – il Panathlon International Club Como - nella diffusione dei valori dell’olimpismo e del fair play, presentano la Prima Edizione del premio di giornalismo sportivo dedicato ad Antonio Spallino, l’uomo che fu anche il loro presidente, oltre che campione olimpico di scherma, sindaco di Como dal 1970 al 1985, presidente del Panathlon International e per tutta la sua vita testimone del ruolo fondamentale dell’etica e della cultura nella società civile.
La denominazione è Premio Nazionale di Giornalismo Sportivo per l’Etica nello sport “Antonio Spallino” ed è organizzato con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia e in collaborazione con GLGS-USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana).
Il Premio è istituito con lo scopo di riconoscere e stimolare giornalisti che raccontano lo sport nelle sue varie discipline, con particolare attenzione all’approccio etico fondato sui valori dell’olimpismo, al fair play, al ruolo di coesione sociale e di inclusione degli atleti portatori di handicap. Il Premio vuole essere un omaggio allo stile e al modo di declinare i valori dello Sport nei vari campi della vita pubblica e professionale di Antonio Spallino, per mantenere viva la memoria del suo operato e divulgare, attraverso i professionisti odierni della comunicazione, la cultura dello sport e i suoi aspetti etici, oggi troppo spesso offuscati.
Possono partecipare al Premio gli autori (giornalisti professionisti, praticanti e pubblicisti) di servizi in lingua italiana, pubblicati nel periodo compreso tra il 01/12/2019 e il 16/11/2020.
Termine di consegna degli elaborati: 30/11/2020
La consegna del premio sarà celebrata in un evento pubblico entro il 30 gennaio 2021.
Per approfondimenti:

www.panathloncomo.com

www.lasteccadicomo.org

foto di Antonio Spallino tratta da "studio spallino.it/archivio"



 

Edizione 2019

La prima edizione ha visto la chiusura del bando lo scorso mese di luglio ma la Giuria non ha ritenuto di poter assegnare il premio per l’esiguità dei candidati che effettivamente rispondevano ai requisiti richiesti dal bando e per l’insufficiente aderenza all’oggetto del bando degli elaborati rimasti in gara.

Gli organizzatori, sentiti i suggerimenti dei giurati, hanno quindi differito il premio al 2020 attraverso un nuovo bando che sarà messo online entro la fine di dicembre 2019 e si chiuderà a giugno 2020.

Il nuovo bando non limiterà la partecipazione ai giornalisti under 35, come invece previsto dalla prima edizione del Premio , raggiungendo quindi un’ ampia fascia di potenziali candidati.

Il tema etico nello sport necessita di una promozione a tutto campo e gli organizzatori auspicano che la possibilità di far accedere al Premio giornalisti con maggiore esperienza favorisca la diffusione dei grandi valori dell’olimpismo, attraverso articoli che aprano una seria riflessione sui temi del fair play, del rispetto dell’avversario, dell’inclusione attraverso lo sport.

 La dicitura del premio è “Premio Nazionale di Giornalismo Sportivo per l’Etica nello sport “Antonio Spallino”. Il Premio, che viene assegnato con cadenza biennale a partire dal 2020, è istituito con lo scopo di riconoscere giornalisti professionisti, praticanti e pubblicisti che abbiano saputo raccontare lo sport nelle sue varie discipline, con particolare attenzione all’approccio etico fondato sui valori dell’olimpismo, al fair play, al ruolo di coesione sociale e di inclusione, anche degli atleti portatori di handicap.

Il Premio vuole essere un omaggio allo stile e al modo di declinare i valori dello Sport nei vari campi della vita pubblica e professionale di Antonio Spallino, per mantenere viva la memoria del suo operato, divulgando e contribuendo a diffondere, attraverso i professionisti odierni della comunicazione, la cultura dello sport e i suoi aspetti etici e inclusivi, oggi troppo spesso offuscati.
 
La giuria dell’edizione 2019 è stata così composta:
FRANCESCO ORDINE consigliere tesoriere Ordine dei Giornalisti – Consiglio della Lombardia
EDOARDO CERIANI socio Panathlon e capo redattore sport La Provincia di Como
GABRIELE TACCHINI presidente Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi (GLGS) – USSI Lombardia
FRANCESCO SPALLINO figlio di Antonio Spallino
MARCO MALINVERNO presidente La Stecca di Como