2020 - NUOVO REGOLAMENTO del Premio Nazionale di Giornalismo Sportivo per l’Etica nello Sport “Antonio Spallino”


Nella foto la vincitrice della 30° edizione Premio Giovani edizione 2019

2019 GEMELLAGGIO

Davanti al Presidente mondiale Pierre Zappelli è stato ufficializzato l'evento che si
realizzerà formalmente nel mese di giugno
2020 con cerimonia solenne, alla presenza sia degli attuali presidenti che scadranno dal loro mandato a fine anno, sia di quelli nuovi che li andranno a sostituire. La sede sarà Como.
********************************************

GENNAIO 2020 ASSEMBLEA ORDINARIA

NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO

PRESENTAZIONE NUOVI SOCI


               2019 - Cena degli auguri:      
IL DETTAGLIO DELLA SERATA



 
prev next



Concorso Grafico Internazionale 2018/2019


       "LO SPORT NON E' UN'ISOLA"

   20180924_211120jpg 20180924_210300jpg

Ad un anno dalla scomparsa di Antonio Spallino, morto il 28 settembre del 2017, il Panahlon di Como ha pubblicato un libro a lui dedicato, presentato lunedì 24 settembre in biblioteca a Como alla presenza di illustri ospiti.

“Lo sport non è un’isola” è stato curato da Monica Molteni ed edito dal Panathlon Como.  L’opera non è una biografia, e si sofferma soprattutto sul ruolo di Antonio Spallino nello sport e in particolare nel Panathlon, di cui fu presidente mondiale tra il 1988 e il 1996. Sono presenti testimonianze, interviste, foto e immagini ad acquarello della pittrice Anna Castiglioni. Tra gli interventi riportati nel libro, quello di Giancarlo Bergamini, classe 1926, compagno di squadra di Spallino a Melbourne, quando la squadra azzurra di scherma vinse l’oro olimpico. Ovviamente non mancano cenni anche al ruolo di politico, di sindaco di Como e di uomo di cultura. “La figura di Spallino non ha paragoni – ha detto Mojoli, presidente del Club comasco – ed è stata centrale nella storia del Panathlon. Con questa opera lo vogliamo ricordare attraverso i valori etico-culturali che aveva appreso dallo sport e che ci ha lasciato. Valori che intendiamo tramandare a una società come quella moderna, poco propensa alla memoria”. Claudio Pecci (presidente della Commissione Cultura del Club) ha ricordato che all’inizio il Panathlon era quasi un circolo chiuso di ex sportivi che si ritrovavano e ricordavano i loro trascorsi e con Spallino c’è stata una svolta epocale: il Panathlon è diventato a tutti gli effetti un club di servizio, legato al territorio, che ha iniziato a diffondere i suoi valori e i suoi progetti educativi, nelle scuole e nelle società. Una rivoluzione non semplice che continua a dare i suoi frutti.

Report serata di Presentazione

NOTIZIARIO OTTOBRE che riporta la notizia