COPPE  e TARGHE FAIR PLAY


pietro bertinjpg Torneo di Veniano - 9 giugno 2019

Alla presenza del consigliere Claudio Chiaratti è stata consegnata una targa  FairPlay del Panathlon Club Como a Pietro Bertin dell'asd Cabiate calcio per il gesto compiuto. Dopo aver commesso un brutto fallo su un avversario si scusava prima col giocatore e poi con l’allenatore della squadra avversaria. Premio consegnato da asd Veniano calcio, Società firmataria della carta dei diritti del bambino nello sport.



Premiato il comportamento esemplare di un giovanissimo. Puro, onesto in un mondo dove – fin da giovanissimi – l’insegnamento è quello di essere più furbi degli avversari! Il Panathlon di Como e la Libertas San Bartolomeo, che ha organizzato il trofeo Gigi Meroni e la bella festa finale del 2 giugno al Sinigaglia nella settimana dello sport, la pensano in maniera differente! Premiato con TARGA FAIR PLAY Giuseppe Calizzi, giovanissimo che gioca come portiere nell’Albatese. Il suo gesto è stato reso noto dal presidente della Libertas Bello al Sinigaglia durante la giornata finale del “Meroni”, quella riservata a giocare e basta come ha tenuto a sottolineare lo stesso Bello! Complimenti a Giuseppe per aver dato un esempio di onestà e sportività portando a casa il riconoscimento.




Rovello, 22-24 marzo 2019, European Silver Cup di  Tchoukball. hanno partecipato ben 12 squadre europee.  Il  Panathlon Club Como, che ha patrocinato l'evento, ha consegnato una  “Targa Fair Play Panathlon Como” agli HEADINGLEY OUTLAWS per essersi dimostrato il team che ha meglio interpretato i valori dell’etica sportiva.

               20190324_173924jpg                    20190324_181409jpg


2018



COPPA PANATHLON TORNEO ITF WHEELCHAIR DI CANTU'

Il 28 aprile è iniziato a Cantù il “1° Trofeo Internazionale Città di Cantù” di Tennis in carrozzina. Il Club ha messo ha disposizione una COPPA FAIR PLAY che è stata consegnata dal Presidente della Commissione “Giovani, Scuola, Educazione, Disabilità” Prof. Claudio Chiaratti a José Coronado di nazionalità spagnola (Barcellona). 

Durante le fasi finali della manifestazione, ad un certo punto della gara l'atleta accusava  una brutta caduta con richiesta di intervento del medico e del fisioterapista riscontrando oltre alle botte una ferita non grave alle gambe. Nonostante i primi momenti di apprensione perché non si muoveva più, ha voluto risalire sulla carrozzina ed ha portato a termine il suo incontro (perdendo). Un momento molto intenso vissuto con preoccupazione prima e sollievo poi.  

Josè dopo aver ricevuto la coppa ,  non si capacitava del merito  perché secondo lui c’era qualcuno altro più meritevole, ma poi esprimendo contentezza e ringraziamenti  sinceri, ha detto “Sono commosso ed emozionato. La consegna di questa Coppa mi riempie di gioia e sono più contento di aver ricevuto questo riconoscimento rispetto alla vittoria del Torneo”. 

“Questa affermazione- ha detto il Presidente Mojoli - non può che renderci orgogliosi del nostro essere Panathleti e farci ringraziare gli organizzatori che hanno segnalato questo atleta. Non poteva esserci scelta più azzeccata”.